Loader

Vehicle Detail

Realizziamo vere Alfra Romeo storiche originali, classiche e da competizione! Alcuni dei nostri restauri e preparazioni.

F1 ALFA ROMEO 183T

  • Richiedi più informazioni
  • Fare un'offerta
  • Pianifica test drive
  • Email ad un amico
  • Modulo finanziario
  • Stampare
F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T F1 ALFA ROMEO 183T
  •  Panoramica del veicolo
  •  Informazione generale
  •  Posizione del veicolo

STORIA DELLA VETTURA

SCUDERIA MARLBORO TEAM ALFA ROMEO
Piloti: 22 Andrea De Cesaris 23 Mauro Baldi

Dopo la sperimentazione portata avanti con la 182T, Gerard Ducarouge varò la prima Alfa Romeo Turbo a scendere in pista con la 183T, spinta dal nuovo motore Tipo 890 da 630 cavalli progettato dall’ingegner Chiti.
Nonostante un podio a Kyalami, a fine stagione l’intero progetto F1 passò sotto la direzione di Pavanello.
Carlo Chiti lasciò l’Alfa per fondare la Motori Moderni, mentre diversi chassis della 183T furono venduti alla Osella che li utilizzò per sviluppare le proprie vetture fra il 1984 e il 1988.
La vettura esposta 183T telaio 02 è stata successivamente utilizzata per i primi collaudi con i colori Benetton sulla pista di Balocco l’11 gennaio 1984, guidata da Riccardo Patrese ed Eddie Cheever.
Questa fu l’ultima Alfa Romeo dell’era Ducarouge.
Finiti i collaudi, l’auto fu assegnata all’ufficio comunicazioni e stampa di Alfa Romeo. Dal 1990 fa parte del Museo Dinamico della Scuderia del Portello e ha partecipato a diverse edizioni del  Goodwood F.O.S.

  • Motore: Alfa Romeo 890T V8T 1496 c.c.
  • Telaio: monoscocca in fibra di carbonio
  • GP disputati 15. Podi 2. Giri più veloci 1.
  • Motore: Alfa Romeo 890T V8T 1496 c.c.
  • Telaio: monoscocca in fibra di carbonio
  • GP disputati 15. Podi 2. Giri più veloci 1.
DESCRIZIONE
  • Rendere NOSTRI LAVORI
CONTATTACI PER INFORMAZIONI

Superiore